Decontaminazione e inattivazione di laboratorio

Completa inattivazione dei contaminanti mediante LED UV ad alta intensità

Richiedi maggiori informazioni

Decontaminazione e inattivazione di laboratorio

Completa inattivazione dei contaminanti mediante LED UV ad alta intensità

La tecnologia LED UV ad alta intensità offre nuove opportunità ai laboratori di ricerca per la decontaminazione e l'inattivazione. Sia i microrganismi che il materiale biologico si inattivano con la giusta dose di luce UV. Phoseon's Sistema LED ultravioletto KeyPro ™ KP100 ad alto irraggiamento si adatta idealmente ai laboratori di microbiologia che necessitano di inattivare i virus in modo rapido e affidabile o ai laboratori che richiedono la decontaminazione per la preparazione, il sequenziamento e la PCR di librerie di RNA ad alta fedeltà. Video del prodotto KeyPro ™ 

Phoseon è brevettato Tecnologia Semiconductor Light Matrix (SLM) ™ consente al sistema KeyPro di aumentare la produttività del laboratorio. La completa inattivazione dei contaminanti di laboratorio può essere eseguita dal sistema KeyPro in meno di cinque minuti e ad una frazione del costo dei metodi tradizionali. 

High Fidelity Library Prep

Inattivazione virale per laboratori di microbiologia

KeyPro consente ai ricercatori di decontaminare le micropiastre, inattivare i virus e disinfettare le superfici del materiale da laboratorio da batteri e virus. I dati preliminari indicano che la luce ultravioletta ad alta intensità può essere sintonizzata per inattivare parzialmente o completamente i virus senza danneggiare le funzioni di riconoscimento. Mantenere le funzionalità di riconoscimento è difficile con i metodi esistenti di inattivazione dei virus.

Richiedi maggiori informazioni
Decontaminazione di sequenziamento di nuova generazione

Decontaminazione di laboratorio per laboratori di sequenziamento

KeyPro inattiva le RNasi, in particolare la RNasi A, sono difficili da inattivare irreversibilmente in assenza di trattamenti termici a lungo termine o sostanze chimiche aggressive. Tali metodi possono essere incompatibili con i comuni materiali di laboratorio o complicare le successive reazioni biochimiche. L'inattivazione rapida, completa e irreversibile della RNasi A con sorgenti di lampade ad arco di mercurio è stata difficile da ottenere a causa della bassa potenza in uscita a lunghezze d'onda mirate e della necessità di filtrare lunghezze d'onda dannose che non contribuiscono all'inattivazione.

Richiedi maggiori informazioni