L'energia solare serve il convertitore di etichette sudafricano

GM-Graphix_MPS_Flexo-Printer_Labels-Labeling_May2017

GM Graphix, con sede ad Alberton, in Sud Africa, ha installato una macchina da stampa MPS - combinata con Phoseon UV LED e inchiostri Paragon - che funziona a energia solare, con un significativo risparmio energetico e sui costi e risolvendo una crisi energetica che deve affrontare la sua attività.

Il Sudafrica sta affrontando una crisi energetica così grave che i blackout continui, un tempo comuni, sono stati ora sostituiti da aumenti del tasso energetico a due cifre. Per i trasformatori di etichette sudafricani questo ha rappresentato una sfida unica per condurre attività che dipendono da macchinari che consumano energia.

“Il tempo di accensione delle sorgenti luminose a LED è istantaneo, facendoci risparmiare almeno 30 minuti di produzione al giorno rispetto alle lampade al mercurio. Inoltre, gli inchiostri sono più stabili e si asciugano molto più velocemente con i LED, quindi la produttività aumenta e si possono ottenere colori più nitidi ".

Pieter Massyn, amministratore delegato, GM Graphix

GM Graphix, con sede ad Alberton, è diventata creativa per risolvere i problemi energetici che ha dovuto affrontare. Il convertitore di etichette flessografiche ha collaborato con MPS, Phoseon Technology e Paragon Inks per soddisfare la sua crescente domanda di costi di esercizio e consumo energetico inferiori. Nel gennaio 2016, la società ha installato un sistema solare da 25 kWh, una fonte di alimentazione con cui ora utilizza una macchina da stampa flessografica multi-substrato EF340 MPS a sei colori. La macchina da stampa combina gli inchiostri Paragon e le sorgenti luminose a LED di Phoseon.

Il trasformatore di etichette noto per `` essere un passo avanti rispetto al settore '' nell'implementazione di pratiche rispettose dell'ambiente ha trasformato la sua installazione della stampante in una delle tante novità: la prima macchina da stampa in Sud Africa ad adottare la polimerizzazione UV LED e, afferma l'azienda, la prima nota convertitore di etichette nel mondo per eseguire una macchina da stampa flessografica con energia solare.

Pieter Massyn di GM Graphix afferma: “Il prezzo dell'elettricità sta aumentando sempre di più in Sud Africa ed è molto costoso oggi. Inoltre durante il giorno si verificano interruzioni di corrente casuali. Il risparmio sui costi per eseguire anche una sola pressa sull'energia solare è significativo e non deve essere ignorato. '

Risparmio energetico

Con sede ad Alberton, con una filiale a Bloemfontein, GM Graphix produce vari prodotti come etichette autoadesive, bustine, guaine termoretraibili ed etichette avvolgenti, in particolare per merci commerciali in rapido movimento e applicazioni farmaceutiche.

Dieci anni fa, l'energia consumata da GM Graphix rappresentava lo 0,02% dei costi di produzione totali dell'azienda. Con l'aumento del prezzo dell'energia in Sud Africa negli ultimi anni, anche la bolletta dell'elettricità dell'azienda è aumentata fino al 2,4% dei costi di produzione totali di GM Graphix.

Utilizzando una macchina da stampa alimentata da una fonte indipendente, l'azienda ha ridotto i costi energetici mensili del 40% nel primo anno, afferma Massyn.

L'azienda non è sola nella sua coscienza energetica. Poiché il costo dell'elettricità è così costoso in Sud Africa, ha indotto aziende e residenti a utilizzare l'elettricità in modo più efficiente.

In tutto il paese, i costi energetici sono aumentati del 45% da gennaio 2015. Gli aumenti hanno successivamente indotto le imprese e i residenti a utilizzare l'energia in modo più efficiente, il che ha impedito ulteriori blackout, chiamati load shedding.

"I costi energetici dovrebbero aumentare annualmente dell'8% e quindi è importante mantenere la sostenibilità gestendo l'uso dell'energia e sforzarsi di diventare più indipendenti", afferma Massyn. "Riducendo i costi di produzione, garantiamo la sostenibilità."

Tecnologia LED

I pannelli solari di GM Graphix generano energia sufficiente per far funzionare la stampante per 5,5 ore al giorno. Il consumo elettrico della macchina da stampa è attualmente del 30 percento inferiore rispetto alle altre macchine flessografiche di GM Graphix, afferma Massyn.

GM Graphix ha altre due macchine da stampa MPS e quattro macchine Mark Andy, e le sta attualmente valutando per vedere se sostituiranno il sistema di polimerizzazione della pressa con i sistemi Phoseon. L'azienda prevede inoltre di espandere la propria capacità solare.

La polimerizzazione del LED aiuta anche GM Graphix a risparmiare energia. La tecnologia di Phoseon utilizza il 70% in meno di energia rispetto alle sue controparti a mercurio, afferma la società. Con le sue capacità di accensione / spegnimento istantaneo, la polimerizzazione di Phoseon è ideale per le fluttuazioni di potenza del Sudafrica.

Massyn afferma: "Il tempo di avvio delle sorgenti luminose a LED è istantaneo, facendoci risparmiare almeno 30 minuti di produzione al giorno rispetto alle lampade al mercurio. Inoltre, gli inchiostri sono più stabili e si asciugano molto più velocemente con i LED, quindi la produttività aumenta e si possono ottenere colori più nitidi.

'L'affidabilità di questo sistema è molto alta, quindi non è richiesta quasi nessuna manutenzione. Tutto ciò si traduce in una maggiore produttività e senza tempi di fermo dovuti alla manutenzione della lampada o ai tempi di riscaldamento, con conseguente maggiore materiale stampato in un turno di otto ore. '

"Pieter Massyn mi ha sempre colpito come una persona coraggiosa nel fare la pioniera di questa tecnologia", commenta Amit Rothschild di Phoseon. 'Ha adottato la nostra tecnologia estremamente bene ed è stato il primo a farlo in Sud Africa. Ha identificato i potenziali vantaggi della nostra tecnologia di polimerizzazione UV LED e ha compiuto un enorme passo avanti utilizzando l'energia solare ".

Massyn ha incoraggiato altri trasformatori di etichette a esaminare l'energia indipendente.

"Geograficamente, qualsiasi luogo con molto sole e basso numero di giorni nuvolosi è l'ideale", afferma. "Inoltre, se i prezzi dell'elettricità fossero alti come in Sud Africa, il ROI sarebbe rapido."

Continua: "I LED UV dovrebbero essere presi in considerazione da ogni trasformatore di etichette poiché questa tecnologia sta migliorando la resa e la produttività, che sono il vero ritorno economico".

Farlo funzionare con l'energia solare lo rende semplicemente più sostenibile ed è un contributo per lasciare questo pianeta in condizioni migliori per quelli che verranno dopo di noi ”.

Tag: | |
Categorie: | |

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *